Le Iene, Gioele Genova e le staminali (gallery)

Questa sera non possiamo esimerci dal fare i complimenti a Le Iene Show per un servizio che definire commovente è riduttivo. Il bravo Giulio Golia ha raccontato la storia di Gioele Genova, un bimbo siciliano di quasi un anno e mezzo, colpito dalla nascita da atrofia muscolare spinale. La sua malattia è terribile e lo ha costretto a rimanere in un letto d’ospedale, completamente paralizzato e intubato, da quando è nato.

Il servizio inizia mostrando le strazianti immagini di Gioele lo scorso novembre, quando i genitori hanno ricevuto il nulla osta dal Tribunale per sottoporre il piccolo ad una cura sperimentale di cellule staminali presso l’ospedale di Brescia. Il metodo è praticato in Italia dal professor Davide Vannoni, che sta curando anche Celeste, bimba veneziana della quale si sono occupati tutti i telegiornali a causa di uno stop da parte del ministero nell’agosto scorso perché le cure sono state considerate “potenzialmente pericolose”.

LEGGI ANCHE  Le Iene: colpevoli di vecchiaia (video e gallery)

Dopo 20 giorni dall’ordinanza del Tribunale e nonostante le sollecitazioni del papà di Gioele, l’ospedale di Brescia non aveva ancora autorizzato il trasferimento del piccolo – che poteva morire da un momento all’altro – dall’Ospedale di Palermo. Un’ora dopo l’intervento di Golia la situazione si è totalmente sbloccata e i genitori di Gioele hanno ricevuto una telefonata che comunicava l’inizio delle cure di lì a pochi giorni.

Dopo l’iniezione di staminali e il ritorno all’ospedale di Palermo, il servizio ha mostrato la nuova situazione di Gioele. Non è di certo accaduto un miracolo – ma gli stessi genitori non se lo aspettavano -, ma il bambino ha preso molto peso in poche settimane e ha iniziato a fare dei piccolissimi movimenti sia con la testa che con le mani.

LEGGI ANCHE  Le Iene e l'infiltrato agli europei di tuffi (video e gallery)

Le immagini si chiudono con la giusta riflessione della madre: se un bimbo non si muove e non riesce nemmeno a respirare da solo, condannato in un letto di ospedale, quali cure potrebbero mai essere “potenzialmente pericolose” a tal punto da peggiorare ulteriormente questa drammatica situazione?

CircaDebora Marighetti
Sono una giornalista che si occupa, per passione e professione, di tv e spettacolo dal 2006. Ho collaborato con Blogo, in particolare con Tvblog.it, dal 2006 al 2012, occupandomi di news, critiche, recensioni su telefilm, varietà, game show, reality show e molto altro. Sono apparsa sporadicamente su Traveblog.it. Ho gestito il magazine musicale di Dada tra il 2009 e il 2010 e collaborato, negli anni e senza continuità, con svariati blog e settimanali. Dal 2012 sono editor di Ascolti Tv Blog.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: