La TV via cavo e quella satellitare, diventeranno presto una cosa del passato?

L’abbandono della televisione via cavo e di quella satellitare, sta crescendo in popolarità, con sempre più persone che decidono di abbandonare queste opzioni a favore di altre.  

Secondo alcune autorevoli riviste, negli ultimi quattro anni il numero di persone che hanno deciso di abbandonare questi prodotto sono cresciute del 44%.  

Invece di utilizzare la televisione via cavo o satellitare, 7.6 milioni di famiglie utilizzano Internet ad alta velocitàNetflix, Disney Plus, Amazon Prime e tanti altri, stanno rapidamente crescendo in consensi, minando un territorio fino ad ora inesplorato. 

 Panoramica di questo settore 

Sebbene le aziende di televisione via cavo e satellitare stiano ancora andando bene, questa nuova tendenza minaccia il loro futuro.  

I clienti stanno scoprendo che aziende come quelle sopra citate, così come altri servizi che forniscono video in streaming gratuito o a prezzi accessibili, permettono loro di guardare tanti spettacoli in cambio di un piccolo costo 

Anche se i clienti hanno ancora bisogno di avere un accesso online, il solo fatto di pagare per Internet è una tentazione per molti clienti. 

Lo streaming e i video scaricati stanno diventando molto popolari. Durante una settimana tipica, il 48% degli adulti e il 67% dei giovani guardano video in streaming o li scaricano 

Inoltre, il fatto che i tablet e altri dispositivi mobili rendano così facile guardare i video in streaming aumenta il fascino di dire addio alla televisione tradizionale.  

Anche l’abbondanza di tecnologia wireless ha reso possibile anche il taglio del cavo. I tablet e gli smartphone possono ora essere utilizzati quasi ovunque, dalla casa all’ufficio, dall’ufficio agli aeroporti e a molti ristoranti diversi.  

Poiché il servizio wireless è così facile da accedere, lo streaming video è attraente perché le persone possono guardare un video quasi ovunque.  

 Non solo televisione, anche sport 

Prima, in Italia, si guardavano le partite sui tipici canali della Rai, oppure su Italia 1 o Canale 5 la domenica pomeriggio. Insomma, la tappa era quella. 

È stato poi il momento di passare alle prima applicazioni su internet, come DAZN, oggi in prima linea come alternativa allo streaming tradizionale sportivo. L’intero panorama sportivo ora sembra concentrarsi in massa laddove sono gli sportivi, ovvero online, segnando di anno in anno un numero crescente di abbonati. 

Dopotutto, il nostro stile di vita moderno, sempre in movimento e improntato allo stare molte ore fuori casa, ci ha portati a necessitare una alternativa al solito guardare la televisione da casa, di fronte ad uno schermo. Per questo guardare sport e streaming calcio è ora un fenomeno forte come non mai. 

Smartphone e tablet hanno fornito il trampolino di lancio ideale a queste applicazioni per crescere. 

 Ricordate il buon vecchio giornale? 

Eh sì, sebbene questo settore faccia parte di questa categoria, le notizie sono da tempo (e molto prima della TV) passate su internet.  

Basta guardare alle copie dei giornali come il corriere della sera o il sole 24 ore: quanta gente li compra ancora dal giornalaio e quanta invece li consulta online? Sicuramente c’è molta più gente che visita il loro sito su base giornaliera. 

Internet ha portato nel mondo una ventata di innovazione e tutti i settori che conosciamo, prima o dopo, dovranno accettarne la presenza. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: