Doc 2 – Nelle tue mani, quante puntate sono?

Torna su Raiuno, dal 13 gennaio 2022, Doc 2-Nelle tue mani, seconda stagione della serie di successo con protagonista Luca Argentero, nei panni di Andrea Fanti, Primario di Medicina Interna che perde la memoria degli ultimi dodici anni della sua vita ed è costretto a imparare nuovamente il suo mestiere, ma anche a gestire le relazioni con i suoi pazienti e gli altri.

Ma da quante puntate è composto Doc 2-Nelle tue mani? Come la prima stagione, anche questa è composta da sedici episodi, ciascuno della durata di circa 50 minuti l’uno, in onda due per volta per otto prime serate. Il finale di stagione, quindi, dovrebbe andare in onda il 3 marzo: considerato, però, che di mezzo c’è la settimana del Festival di Sanremo, è probabile che ci sarà un doppio appuntamento.

Doc 2, trama

Doc ha trovato nel reparto la sua nuova famiglia e un nuovo equilibrio di vita. Lo ritroviamo proprio lì all’inizio della stagione. Ma non può immaginare che genere di tempesta si stia per abbattere su tutti: la peggior pandemia degli ultimi cento anni, la prima nella storia di estensione globale, con Milano come epicentro mondiale.

Doc e i suoi colleghi, come tutti i medici italiani, affronteranno l’emergenza Covid. Ma questa seconda stagione della serie non indugerà sulla fase critica dell’emergenza sanitaria: racconterà piuttosto il ritorno alla normalità dopo la fine della pandemia. La seconda stagione, come e più della prima, parlerà di speranza raccontando l’esperienza della malattia come quella di una seconda occasione.

LEGGI ANCHE  Doc - Nelle tue mani incontra Don Matteo: il video

Racconterà come Doc e il suo reparto, dopo essere stati in prima linea nella guerra contro il Covid, ricominciano a prendersi cura, con tutta l’empatia di cui sono capaci, dei pazienti che si affidano a loro in cerca di una diagnosi e di una guarigione.

Ognuno dei nostri protagonisti dovrà cominciare una nuova vita. E nella grande avventura del ritorno alla normalità la posta in gioco non sarà più soltanto il futuro di Doc, come nella prima stagione, ma il futuro dell’intero reparto, che sarà minacciato nella sua stessa esistenza.

Dopo l’arresto di Marco Sardoni (Raffaele Esposito), infatti, in reparto c’è un nuovo primario. E Doc dovrà difendere il suo team e il suo metodo di lavoro incentrato sulla medicina narrativa e sul rapporto empatico con i pazienti contro la decisione del nuovo primario di trasformare il reparto di medicina interna in un presidio di vigilanza contro le future pandemie.

Doc capisce le preoccupazioni del nuovo primario, ma cerca di mostrargli come la medicina che persegue rischia di essere disumanizzante e che per la paura di un contagio non possiamo dimenticare di restare umani, anche e soprattutto in quel momento cruciale che è la relazione fra un medico e il suo paziente.

LEGGI ANCHE  Doc - Nelle tue mani, la trama della terza puntata

Ma il nuovo primario è determinato nel suo obiettivo di stravolgere il reparto. Così Doc capisce che ha un’unica possibilità per salvare il suo metodo e il suo reparto: affrontare un difficile percorso di test medici e psicologici che gli permettano di recuperare il suo vero ruolo. E tornare a essere primario.

Ma questo, oltre a dover recuperare i progressi fatti dalla medicina negli ultimi dodici anni, significa dover scendere a patti con la sua prefrontalità, la condizione frutto del suo incidente per cui Andrea si trova a dire tutto quello che gli passa per la testa, senza filtri: un lusso che un primario non può certo permettersi. E soprattutto Andrea deve fare i conti con il senso di colpa per qualcosa di terribile successo nel momento peggiore dell’emergenza e che tutti si sforzano di tenere nascosto, come un segreto inconfessabile. La seconda stagione di Doc è il primo medical italiano a raccontare, con realismo e speranza, la nuova vita che ci aspetta dopo la pandemia.

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: