Chopped Italia: un cast stellare, ma sprecato (recensione)

E’ partito stasera su Food Network – canale 33 del ddt – il nuovo talent Chopped, condotto da Gianmarco Tognazzi con una giuria stellare, nel vero senso della parola: Philippe Leveillé, Rosanna Marziale e Misha Sukyas, due chef stellati i primi e uno chef/insegnante innovatore il terzo.

La formula, per chi si è imbattuto anche solo per caso nel canale e ne ha visto le versioni estere, era già nota: quattro chef si sfidano in 3 manche diverse – nella preparazione di un primo, un secondo e un dolce – e in ogni manche il peggiore viene “tagliato fuori”. Ciò che differenzia Chopped dagli altri talent culinari è sostanzialmente la presenza, tra gli altri, di ingredienti obbligatori particolari e difficili da inserire nei piatti.

Nella prima puntata, ad esempio, sotto la cloche dei primi erano presenti durian (un frutto noto per il suo odore nauseabondo) e trippe di baccalà; sotto quella dei secondi Chinotto e confetti di Sulmona; sotto quella del dolce, infine, barba del frate. Gli chef, per poter vincere il montepremi di 5.000 euro, devono dimostrare di saper usare sapientemente e in modo armonioso anche ingredienti così strani.

LEGGI ANCHE  Pubblicità Tre con Anna Safroncik e Tognazzi: canzone, modella, video spot

La scelta della giuria della versione italiana si è rivelata senza dubbio azzeccata. Tutti e tre i giudici non hanno peli sulla lingua e hanno saputo dosare bene critiche e complimenti; anche la conduzione è parsa moderata al punto giusto. Il problema di Chopped, però, è un altro: la sua fondamentale inutilità.

In un panorama televisivo dove, senza paura di esagerare, i talent culinari sono quasi una decina (ai quali si aggiungono rubriche, programmi di cucina senza gara e su ristoranti vari), realizzare una versione italiana di Chopped ci è sembrato uno spreco di risorse.

LEGGI ANCHE  Da stasera Chopped su Food Network con Gianmarco Tognazzi

Ci sembra sciocco tentare di lanciare un canale del digitale terrestre con un programma che, seppure sia moderatamente piacevole, con montaggi veloci e non noiosi, non brilla per originalità, nonostante il martellante battage pubblicitario fatto negli ultimi mesi su tutti i canali del network. Format più innovativi non mancavano di certo.

Per onore di cronaca, la prima puntata di Chopped Italia è stata vinta dal giovane sardo Carlo Masia, attualmente chef in una mensa universitaria.

CircaDebora Marighetti
Sono una giornalista che si occupa, per passione e professione, di tv e spettacolo dal 2006. Ho collaborato con Blogo, in particolare con Tvblog.it, dal 2006 al 2012, occupandomi di news, critiche, recensioni su telefilm, varietà, game show, reality show e molto altro. Sono apparsa sporadicamente su Traveblog.it. Ho gestito il magazine musicale di Dada tra il 2009 e il 2010 e collaborato, negli anni e senza continuità, con svariati blog e settimanali. Dal 2012 sono editor di Ascolti Tv Blog.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: