1918: benvenuti alla 68esima edizione del Festival di Sanremo

Ah beh, il Festival di Sanremo è un po’ come il Natale, non pare anche a voi? Quando arriva è sempre una festa: colori e artisti e lustrini e paillettes e statuarie bellezze dal marmoreo seno, fasciate in abiti da mille una notte…ah sì sì sì, proprio bello.

Poi però, a furia di seguire la serata, mi assale un pensiero: Baglioni che canta…Canzian che canta…poi arrivano Fogli e Facchinetti che cantano anche loro, poi compare Sting, poi ospite speciale Vecchioni. Ecco Vecchioni: nomina nomen…sarà che guardo lo show mentre faccio a maglia e non me ne sono accorta subito, ma possibile che l’edizione del Festival 2018 sia così popolata da cantanti nati in tempo di guerra?

LEGGI ANCHE  Testo Almeno Pensami di Ron al Festival di Sanremo 2018

Certo, non sto mica dicendo che bisognerebbe chiuderli in una casa di riposo, per carità: anche perché, per ragioni anagrafiche, pure io verrei tradotta in quei luoghi. Però, mentre sferruzzo la sciarpa per mio nipote che studia nelle Americhe (fa freddo a Boston d’ inverno, piccino lui) mi chiedo: ma di cantanti dell’età di mio nipote non ce ne erano? Davvero in Italia, nel 2018, gli unici artisti riconosciuti come tali e come tali patentati sono sopravvissuti ai bombardamenti dell’ultimo conflitto mondiale?

LEGGI ANCHE  Testo Non smettere mai di cercarmi di Noemi a Sanremo 2018

Eppure sono ragionevolmente persuasa del contrario: sbaglierò. Su una cosa invece temo di non mettere il piede in fallo: è proprio vero che Sanremo (e la televisione in generale) siano lo specchio di un Paese e il nostro (è ufficiale) non è un Paese per giovani. Speriamo invece mio nipote torni presto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: