Non dirlo al mio capo 2, Beatrice Vendramin è Aurora (foto)

C’è anche una star dei social network, nella seconda stagione di Non dirlo al mio capo. Il pubblico di Raiuno, infatti, sta conoscendo Beatrice Vendramin, giovanissima (ha solo 18 anni) attrice che in realtà i più giovani hanno già visto nella sit-com di Disney Channel Alex&Co, in cui è stata il volto di Emma.

Beatrice, però, è diventata famosa anche grazie ad Instagram, dove è seguita da più di 800mila follower. Un successo social che ha permesso a Beatrice di diventare una influencer, fino anche a scrivere un’autobiografia, “I piedi per terra, la testa nel cielo”.

Nonostante tutto questo successo, però, Beatrice non si è montata la testa, decidendo di finire gli studi liceali e, poi di iscriversi all’Università per studiare Business & Management. La sua carriera, invece, è iniziata da piccola, quando a 4 anni ha iniziato a sfilare come modella.

LEGGI ANCHE  Non dirlo al mio capo 2, quante puntate sono?

Il debutto da attrice, invece, è avvenuto nel 2015, in Alex&Co, mentre nel 2016 ha recitato nel suo primo film, “Come diventare grandi, nonostante i genitori”, con Giovanna Mezzogiorno, Matthew Modine e Margherita Buy, per la regia di Luca Lucini.

Nella tv generalista l’occasione è arrivata proprio con Non dirlo al mio capo 2, in cui interpreta Aurora. Sorellastra della protagonista Lisa (Vanessa Incontrada), Aurora arriva a Napoli chiedendo alla donna di ospitarla in casa, sfuggendo così a loro padre. Lisa accetta, ma non sa che Aurora soffre di un disturbo della personalità: quando lo scopre, decide di aiutarla, mettendosi contro il padre. Aurora, però, creerà qualche problema anche a Mia (Ludovica Coscione), mettendosi in mezzo tra lei e Romeo (Saul Nanni).

Dopo l’esperienza nella fiction di Raiuno, per Beatrice si è aperto un altro set, quello della seconda stagione de L’Isola di Pietro, in cui interpreterà la figliastra del personaggio interpretato da Elisabetta Canalis. Nella vita privata Beatrice è molto legata alla famiglia ed al fidanzato Ludovico.