Ecco dove si vedrà la prossima stagione calcistica di Serie A

E’ stata una lunga trattativa ma al termine, il lieto fine è arrivato. La prossima stagione di serie A, ha di nuovo la sua casa televisiva e sarà Sky e la piattaforma Perform (una società globale di media sportivi, con sede nel Regno Unito). Se vogliamo dargli una descrizione ad hoc: è uscito dalla porta ed è rientrata dalla finestra, poiché deteneva i diritti delle trasmissioni già dall’ultima stagione calcistica appena conclusa.

Tutto era partito proprio dal ricorso di Sky nei confronti di Mediapro, società che poi si è chiamata fuori. Mediaset, invece, non ha presentato alcuna offerta. La trasmissione “90° minuto” viene salvata e si lavora per evitare il doppio abbonamento.

E’ una giornata importantissima per il calcio italiano perché è arrivata a termine la questione dei diritti televisivi che sono stati assegnati a Sky e Perform. Per Sky si tratta di una conferma e si è aggiudicata i pacchetti principali. Perfom invece ha fatto un’offerta significativa. Complessivamente le offerte hanno superato i 973 mln euro, con il 20% in più rispetto all’ultima offerta di gennaio. Siamo riusciti a ottenere anche una partecipazione rilevante di circa 100 milioni che si vanno ad aggiungere a risultati variabili che faranno Sky e Perform in funzione dei ricavi.

A parlare è il Presidente di Lega, Gaetano Miccichè, esulta dopo le guerre vissute negli ultimi mesi e se fino a qualche giorno fa, sembrava a rischio la ripresa della storica trasmissione Rai, 90° minuto, ora che di fatto rasserena anche chi temeva che una delle storiche trasmissioni calcistiche in chiaro potesse essere cancellato.

Confermo che riprenderà “90° minuto”. Siamo riusciti a ottenere una maggiore elasticità da parte dei soggetti aggiudicatari per la trasmissione delle partite in chiaro, per cui 90° minuto anche quest’anno e per i prossimi anni andrà di nuovo in onda.”