GF 15: Aida Nizar bullizzata e insultata, e se lunedì non dovesse accadere nulla?

Abbiamo superato il limite, senza ombra di dubbio. Quanto accaduto questa settimana all’interno della casa del Grande Fratello ad Aida Nizar – entrata con grande energia e lo slogan “Adoriamo la nostra vita” – va oltre l’accettabile.

Indigna e fa riflettere l’aggressione da parte di Baye Dame, che ha fatto uscire il peggio di sé. Sembrava un concorrente che aveva tutte le carte in regola per divertirsi e far divertire, invece si è ritrovato ad essere al centro di una bufera per aver sfiorato la rissa con la concorrente spagnola per un tiramisù.

In seguito, i ragazzi l’hanno apostrofata in ogni maniera possibile. C’è chi, come Luigi Mario Favoloso, le ha dato della “tossicodipendente” “pazza“, “sfigata” aggiungendo “Sei brutta come la fame in Uganda” e commettendo dei gesti per nulla eleganti che sarebbe meglio non trascrivere per non urtare troppo la sensibilità altrui, anche se ormai quel che fatto è fatto. C’è chi l’ha chiamata pure “zingara“, come Matteo Gentili. Il restante gruppo dei ragazzi ha continuato a sghignazzare alle continue e incessanti critiche avvenute alle spalle di Aida.

LEGGI ANCHE  Grande Fratello 15, primo bacio nella casa (video)

Barbara d’Urso, durante Pomeriggio Cinque, ha promesso seri provvedimenti per quanto accaduto. L’invito alla calma e alle regole basilari per una convivenza civile, avvertendo di un possibile provvedimento, è stato comunicato ai ragazzi nella giornata del 26 aprile: ma perché non agire subito invece di aspettare la puntata di lunedì? E se la situazione e gli atti di mero bullismo venissero insabbiati in quattro e quattrotto, dove si arriverebbe?

LEGGI ANCHE  Grande Fratello 15 del 30 aprile 2018: fuori Alberto, Filippo, Lucia O. o Patrizia?

Lo spettatore rimane freddato davanti a scene che nessuno vorrebbe vedere, e a frasi che non vorrebbe mai sentire, ma che la forza del media, inesorabile, spiattella in un reality show dove il trash è all’ordine del giorno, ma dove in questo caso di trash non c’è un bel niente, ed è bene che ci sia una precisa scissione fra ciò che diverte e ciò che è deplorevole.