Mazzoli va a trans? Il servizio de Le Iene (VIDEO)

Ecco la verità della macchina del fango fasulla creata da Ivo Avido, Le Iene e Marco Mazzoli per promuovere il film On Air.

Credevamo che la presenza in un programma di calcio fosse il massimo dell’umiliazione per uno come Mazzoli, ma in realtà è successo ben di peggio. Il conduttore de Lo Zoo di 105 ha chiesto ad un autore del programma di Italia 1 di fare pubblicità al film. Richiesta accettata, in cambio di alcune prove da superare che – chi ascolta lo Zoo – ha vissuto durante il programma e nelle ospitate di Mazzoli.

  1. Ammettere di avere un pene di 9 centimetri con prese in giro dei fans e pagina Facebook;
  2. Mandare WhatsApp imbarazzanti e rincarare la dose in caso di non risposta;
  3. A Tiki Taka fare il verso della zanzara su ogni intervento di Cruciani “Hai rotto il caxxo co sta zanzara ” (CIT); inventarsi che Buffon copulava con una sua amica mentre si celebra il record d’imbattibilità del portiere e a fine serata mandare un altro messaggio vocale a Cristina D’Avena: “Ma Gargamella si scopava Puffetta?”.
  4. La scena madre con l’invenzione della notizia del dj più discusso d’Italia beccato con una prostituta ripresa dai maggiori siti d’informazione, nella stessa serata importunare Giorgio Mastrota con distruzione mediatica;
  5. Litigio col direttore di Radio 105 Angelo De Robertis: “Tu sei andato a male”;
  6. Fine del matrimonio con la moglie Stefania che riceve da una spia il link che rivela il tradimento con un trans;
  7. Promuovere il film girando nudo per la città.

Nella puntata dello Zoo di giovedì 31 marzo c’era stata anche la finta telefonata rabbiosa col “fotografo” Giorgio con tanto di abbandono dello studio dopo la litigata col suddetto-

Questo video dimostra che è tutta una montatura, Mazzoli lo teneva in serbo nel caso il servizio a Le Iene non fosse andato in onda.

Questo invece è il video della paparazzata clamorosa e finta: “Oggi esce il film e guarda caso Novella 2000 pubblica ste foto”.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

Advertisements