Advertisements
Advertisements

The Apprentice: discreta la prima, ma non è MasterChef. Eliminati Davide Gaiardelli e Chiara Gallana

The Apprentice non è MasterChef, questo ormai è chiaro. Cielo cercava un prodotto che sostituisse il fenomeno mediatico dello scorso anno, che gli ha fatto fare il picco d’ascolto e l’ha consacrato come canale alternativo alle generaliste, ma l’ha trovato solo in parte. The Apprentice è un format sicuramente valido e con molte potenzialità, ma qualcosa nelle due puntate viste stasera (a questo link il resoconto completo e la gallery) è mancato.

Una delle carenze del programma è stata sicuramente la riconoscibilità dei concorrenti. Il gruppo scelto non è particolarmente eterogeneo, ma è sembrato anzi omologato su un ben preciso canone estetico, salvo un paio di personaggi più originali. Sopratutto sul fronte femminile, riconoscere l’una piuttosto che l’altra e farsi un’idea del carattere e dei tratti distintivi, non è stato facile.

Il secondo elemento negativo è purtroppo, in parte, Flavio Briatore. Nel ruolo di Boss è stato sicuramente eccezionale, tanto che è sembrato pensato apposta per lui, per i suoi modi rudi e per quel suo non guardare in faccia nessuno. Ma i pregiudizi verso un personaggio tanto chiacchierato e non certo simpatico non sono facili da scacciare e non bastano un paio d’ore di programma.

Detto questo, la Fremantle Media è riuscita ancora una volta a mostrare un prodotto di qualità superiore dal punto di vista della confezione, con riprese spettacolari e un ottimo cambio tra sequenze in interna ed esterna, anche se le parti nel “board” che precedono le eliminazioni sono decisamente troppo lunghe. Buone invece, fino ad ora, le idee alla base delle prove realizzate, ma ci aspettiamo una difficoltà crescente che possa davvero mettere in luce la propensione manageriale dei vari concorrenti.

Nota di cronaca: i due eliminati delle prime puntate sono Davide Gaiardelli e Chiara Gallana, che potete vedere nelle immagini che seguono.

Advertisements