Le Iene e quando un sindacato ti sfrutta invece di difenderti (video e gallery)

Tornano Le Iene Show e nella prima puntata del nuovo anno, andata in onda questa sera, giovedì 29 gennaio, sono tornati gli immancabili servizi di denuncia. E come è spesso capitato in passato, a realizzarlo è stata Nadia Toffa che ha raccontato la storia di Antonietta che per ben otto anni è stata tenuta a lavorare a nero e sottopagata.

Una situazione già grave di suo ma se vi dicessimo che la protagonista del servizio lavorava per i sindacati? Proprio cosi ed a raccontarlo è la famiglia di Antonietta che purtroppo è morta nel 2002 in seguito ad una grave malattia. La Toffa incontra Pasquale, Rosa e Annamaria, rispettivamente il padre, la madre e la sorella di Antonietta. I tre raccontano la storia della loro cara che nel 1992 andò alla ricerca di lavoro, trovando occupazione alla Cisl dove per i primi otto anni ha lavorato a nero, sottopagata.

Dopo il racconto dei familiari, l’inviata del programma di Italia1 va alla ricerca di Antonio Lapadula, dirigente del sindacato FAI CISL della Basilicata, sindacato condannato a pagare oltre centomila euro per le mancate retribuzioni e che ancora oggi non ha tirato fuori un euro. La reazione del diretto interessato, suggerito da un suo stresso collaboratore, è davvero incredibile: invece di trovare una soluzione ed un’atmosfera collaborativa, il sindacalista si limita ad un la giustizia, a volte, non è uguale per tutti. Lasciamo a voi ogni commento.

Per vedere il video completo del servizio andato in onda questa sera, 29 gennaio 2015, potete cliccare questo link

Advertisements