Advertisements
Advertisements

Mediaset vicina all’acquisto di La7. Ma con quali soldi? E quali idee?

È di oggi la news (lanciata dall’agenzia Radiocorr) che vorrebbe Mediaset particolarmente intenzionata ad acquistare da Telecom Italia Media la sua rete televisiva, La7. La rete, in effetti, è da diverso tempo in attesa di un nuovo acquirente che possa dedicarsi alle sue frequenze e ai suoi contenuti facendo investimenti coraggiosi in una rete che non ha mai brillato come in questi anni, se non ai tempi della gestione Cecchi Gori, quando ancora la rete era chiamata TMC.

La notizia sarebbe veramente clamorosa, dato che La7 in questi anni, insieme all’esercito di nuovi canali del digitale terrestre, sta rosicchiando sempre più ascolti in particolar modo proprio a Canale5 e Mediaset, sulle spalle della quale è emersa agli occhi del pubblico per qualità e credibilità. E in questo modo, tutto il pubblico “fuggito” dal biscione sarebbe costretto a tornare a puntare lo sguardo verso Cologno o a migrare su altre frequenze.

Potrebbe essere quindi un tentativo da parte dell’azienda televisiva di Berlusconi di sopraffare il nemico inglobandolo e sfruttandone le potenzialità a suo favore. Una tattica non nuova dalle parti di Cologno; nei primi anni ottanta infatti, la Fininvest acquistò da Mondadori e Rusconi Rete4 e Italia1, dando battaglia alle due emittenti sfruttando la forte programmazione di Canale5, che però all’epoca viveva un periodo particolarmente fortunato.

L’ipotesi che una cosa simile capiti ora però sembra francamente troppo remota. Mediaset sta di fatto vivendo una grave crisi, sia dal punto di vista economico che da quello creativo, con trasmissioni mortificate dai bassi budget e spesso ripetute all’infinito. Come potrebbe pensare Mediaset di riempire il palinsesto di La7 se non riesce nemmeno a gestire le recenti emittente digitali? Attendiamo pazientemente di scoprire le sorti del canale di Telecom Italia Media, trovando però improbabile l’ipotesi di vedere il settimo canale del telecomando associato ai canali di Cologno.

Advertisements