Motorhome: debutta su MTV il docureality sui piloti delle due ruote (gallery)

Nuovo docureality giovane al via su MTV Italia: parliamo di Motorhome – Piloti di Famiglia, una realizzazione della Stand by me di Simona Ercolani – il team di lavoro di Sfide e Sconosciuti, per intenderci – in onda dal lunedì al venerdì alle 16.00 sul canale 8 del digitale terrestre, con una puntata speciale in prima serata ogni venerdì alle 21.10 circa.

Come si può capire dal titolo, dopo il calcio, la ginnastica artistica e quant’altro, la rete stavolta si è concentrata sul mondo delle due ruote, dove adrenalina, sudore, coraggio e passione sono le caratteristiche imprescindibili di un aspirante pilota professionista.

Con Motorhome MTV prosegue, dunque, il suo viaggio tra i ragazzi raccontando un mondo che nessuno ha mai mostrato fino ad ora, quello dei paddock, dei meccanici, delle carovane di truck e motorhome che si muovono per l’Italia, come grandi famiglie, per partecipare alle gare motociclistiche.

Motorhome è, in particolare, la storia di 4 ragazzi: Cecilia Masoni (16 anni), Alessandro Del Bianco (16 anni), Stefano Valtulini (17 anni) e Andrea Caravella (17 anni), alle prese con il CIV (Campionato Italiano Velocità) della Federazione Motociclistica Italiana per la classe Moto3, unico vero vivaio italiano per l’accesso al Motomondiale.

Motorhome – Piloti di Famiglia racconta anche la vita quotidiana di questi quattro giovani centauri che corrono per realizzare il loro sogno: gareggiare nel Campionato del Mondo e diventare i nuovi Valentino Rossi. Un sogno che si può realizzare dietro ogni curva, ma che con un solo piccolo errore può svanire per sempre.

Sulle spalle di ogni pilota del CIV pesano anche tutti i sacrifici e la fatica della famiglia, che investe soldi, passione e tempo nella speranza di vederlo, un giorno, campione. Sulle spalle dell’intera famiglia pesa anche la consapevolezza che il motociclismo è uno sport pericoloso in cui il rischio di farsi male, anche seriamente, è sempre alto.

Le telecamere di MTV hanno seguito per sette mesi la carovana del CIV, dieci week-end di gare sui principali circuiti italiani, quelli in cui corrono anche i professionisti del Moto GP come il circuito del Mugello, di Imola o quello di Misano Adriatico intitolato a Marco Simoncelli.

In ogni gara venti piloti si sfidano senza pietà fino all’ultima curva, imparando a domare l’aspetto più importante di questo sport: la paura. Una paura che i piloti, ogni volta che accendono la loro moto e vedono il semaforo verde, decidono di sfidare, e vincere.

Advertisements