Miss Italia 2014: ascolti impietosi, nonostante una discreta Ventura

Niente da fare per Miss Italia 2014. La7, come dimostrano gli ascolti di ieri, non è proprio la sua casa, anche se ad oggi pare difficile immaginare un “luogo”, televisivamente parlando, dove il concorso di bellezza possa approdare ed avere un pubblico adatto all’offerta, che lo faccia tornare al “vecchio splendore” o che almeno possa farlo avvicinare.

Come scrivevamo ieri presentando la serata finale (vinta dall’anonima Clarissa Marchese), l’edizione 2014 sarebbe stata la prova del 9 per quanto riguarda il matrimonio tra la rete di Urbano Cairo e il concorso di Patrizia Mirigliani. Se nel 2013 i tempi per la preparazione sono stati scarsi e l’incertezza l’ha fatta da padrona, quest’anno tutto è stato organizzato per bene e non ci sono scuse per gli ascolti da film in replica.

Vediamo i dati nel dettaglio e paragoniamoli a quelli di Miss Italia 2013. Ieri sera il concorso ha ottenuto una media di 1.086.000 spettatori, con share del 6.46% (nell’anteprima 769.000 e 3.19%); lo scorso anno aveva realizzato 937.000 spettatori, share del 5.51% (anteprima a 985.000 e 3.66%).

Una differenza di soli 150.000 spettatori per due show molto diversi: raffazzonato quello del 2013, con tre conduttori messi lì quasi per caso – Massimo Ghini, Cesare Bocci e Francesca Chillemi – e un difficile e incerto passaggio di rete; presentato in pompa magna quello del 2014, con una conduttrice di punta – Simona Ventura -, una giuria di richiamo e nessun intoppo durante il percorso.

Inutile dire come, sulla carta, ci si potessero aspettare almeno 300-400 mila spettatori in più, visto che le prime serate di La7, quando offrono spettacoli interessanti e adatti al target, possono arrivare a svariati milioni di spettatori.

Ci dispiace per Simona Ventura, che, nonostante le tante critiche apparse sui social, ha mostrato di crederci e si è messa in gioco. La sua conduzione non è stata certo ineccepibile – anzi, le papere si sono sprecate -, ma risultare impeccabili per tutte e quattro le ore della serata sarebbe stata impresa da pochi. Lei, a parer nostro, merita comunque una sufficienza.

Advertisements