Advertisements
Advertisements

Domenica In: Arisa fugge in lacrime dallo studio

E’ successo al termine di Domenica In, puntata di oggi 23 febbraio 2014 dedicata al Festival di Sanremo: l’ospite d’onore era ovviamente Arisa, fresca vincitrice della kermesse con il brano Controvento. La cantante è arrivata in studio per ultima, al termine di un pomeriggio durante il quale si sono susseguiti battibecchi e polemiche a non finire sulla sua vittoria, con tanto di rissa sfiorata tra Paolo Limiti e Marco Mangiarotti.

Il superfavorito Francesca Renga doveva vincere Sanremo, questa l’opinione che girava fra gli opinionisti dello show di Mara Venier. Prima un giudizio particolarmente tranchant di Cristiano Malgioglio secondo cui “la vittoria di Arisa è stata uno scandalo, non mi dite che è una bella canzone”, poi Paolo Limiti che addirittura ha cercato di trascinare il pubblico di Domenica In dalla sua chiedendo a gran voce la vittoria per Renga.

Arisa, che probabilmente aveva ascoltato dietro le quinte ogni parola delle scene suddette, è apparsa visibilmente stanca e nervosa. Ha risposto alla domanda di Mara Venier “Arisa questa vittoria non te l’aspettavi, non ci credevi?”, con parole piuttosto nette e quasi insofferenti.

Ma sì che me l’aspettavo! Controvento è una canzone pop, popolare. Il Festival è un avvenimento popolare che ci rende italiani, la mia canzone era italianissima, sincera, altruista, propositiva e la gente vuole sentirsi dire che qualcuno ci sarà!

Arisa ha eseguito il brano e poi la Venier ha mandato in onda un filmato con delle dichiarazioni che la madre della cantante aveva rilasciato a un tg Rai. Al termine del servizio Arisa non era più in studio. “E’ scappata via in lacrime, non ce l’ha fatta”, ha esclamato la conduttrice giustificando la reazione della cantante con la commozione.

Probabilmente la commozione è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: ma dopo aver subito tanti e immeritati attacchi, uno scatto all’insegna della rabbia e del nervosismo sarebbe assolutamente giustificabile.

Advertisements