Advertisements
Advertisements

Miss Italia 2013 s’ha da fare?

Ospitiamo un nuovo articolo del nostro esperto di Miss Italia, Nicholas, che ci aggiorna sugli sviluppi delle trattative sulla finale del concorso. Buona lettura!

Il concorso di Miss Italia, in questa edizione 2013, ha una storia più travagliata che mai. Il riassunto delle puntate precedenti inizia con la RAI che, ad aprile, ha deciso di non trasmettere più le classiche serate televisive di inizio settembre. Volontà della sua presidente Anna Maria Tarantola, che si è dichiarata a favore di una Televisione più “civile”, anche se ufficiosamente i costi per trasmettere il carrozzone erano diventati un peso per le casse sempre più esigue della Tv di Stato. Successivamente le parole di Laura Boldrini e di Enrico Mentana hanno scoraggiato il “lieto fine”.

Nonostante tutto, la società che gestisce il marchio Miss Italia aveva annunciato orgogliosamente il 20 agosto, direttamente dal loro sito ufficiale, “Fra 10 giorni (venerdì 30 agosto, ndN) verranno comunicate le date e la sede della nuova edizione”. Aveva. Al 2 settembre ne sapete qualcosa voi? Se la risposta è negativa non vi preoccupate: è così.

A primo acchito verrebbe da pensare che lo staff di Patrizia Mirigliani ci abbia allegramente preso in giro, ma più razionalmente potrebbero essere sorti dei problemi organizzativi improvvisi tali da rallentare inevitabilmente la definizione delle trattative.

Negli ultimi giorni varie testate giornalistiche hanno annunciato che Jesolo (VE) sarebbe stata la nuova “casa della bellezza italiana”, a fronte di un modesto -rispetto ai tempi passati- investimento economico di circa 200-250 mila euro. Un articolo di “Messina Sportiva” però racconta una versione diversa ovvero:

la finale nazionale destinata – stando ai bene informati – a tenersi a Roma in una location da stabilire.

Inoltre, in un articolo del “Corriere del Veneto”, il sindaco della città balneare veneta racconta:

Ci interessa il pacchetto intero, triennale, solo così Jesolo avrà un ritorno d’immagine adeguato

È probabile quindi che Patrizia Mirigliani abbia voluto rifilare a Jesolo solo le prefinali nazionali, mentre la tanto ambita elezione della più bella d’Italia l’abbia voluta fissare in qualche studio televisivo della Città Eterna, magari in ottica di contenimento dei costi e/o un veto della emittente televisiva che trasmetterà le finali. Chi trasmetterà poi le finali è un’altra storia…

Advertisements