Advertisements
Advertisements

Barbara Palombelli: Forum programma giornalistico, confermati Marco Senise e Fabrizio Bracconeri

Per parlare della sua imminente avventura al timone del mezzogiorno di Canale5 conForum Barbara Palombelli ha scelto il quotidiano Libero al quale ha rilasciato un’intervista; e subito ci svela che la paura nell’affrontare questa nuova sfida è veramente tanta, vista la pesante eredità della conduzione di Rita Dalla Chiesa, e che la proposta è arrivata direttamente da Giancarlo Scheri, direttore dell’ammiraglia Mediaset, a cui ha detto immediatamente sì nonostante la particolare difficoltà dell’incarico.

E la Palombelli è particolarmente agguerrita, dato che pur non avendo ancora cominciato a lavorare col team autorale della trasmissione – la prima riunione si terrà il 26 agosto, appena due settimane prima del debutto in onda previsto per il 9 settembre – ha già le idee ben chiare su cosa proporre in onda; tutta l’Italia è un immenso tribunale, e secondo la giornalista è giusto continuare a proporre le cause di Forum, dove un contenzioso si risolve in appena un’ora e mezza di trasmissione e non in dieci anni come nella realtà.

Ma su cosa verteranno le cause della nuova gestione-Palombelli di Forum? Innanzitutto saranno come sempre cause vere ma recitate (e finalmente abbiamo una conduttrice che ammette che i protagonisti della trasmissione sono degli attori), ma sempre più inerenti all’attualità, essendo sempre a giudizio della neo-conduttrice un vero programma giornalistico. E non esclude anche l’introduzione di argomenti politici nel programma, che però nel corso della stagione, come già ventilato nelle scorse settimane potrebbe subire delle importanti modifiche nella struttura.

Il passaggio di testimone tra Rita Dalla Chiesa – che come ormai saprete a ottobre debutterà nel pomeriggio di La7 – e Barbara Palombelli è già avvenuto in forma privata: le due si sono sentite al telefono, augurandosi reciprocamente buona fortuna. Tutto confermato invece il cast della trasmissione, composto come gli anni scorsi da Marco Senise e Fabrizio Bracconeri.

Advertisements