Nord Sud Ovest Est: il tormentone come pretesto positivo (gallery e recensione)

Pensavamo di dover bocciare senza pietà Nord Sud Ovest Est – Tormentoni on the road, il programma partito stasera su Italia1 con Max Pezzali, Jack La Furia e Paola Iezzi, per eccesso di trash e livelli di tamarraggine estremi. Non è che questi elementi manchino, sia chiaro, ma sono ben mixati con una sana leggerezza, un po’ di divertimento e un fondamento di “didatticità” che non ci aspettavamo di trovare.

Nord Sud Ovest Est, con la scusa della ricerca del protagonista di un tormentone del passato, fa una spensierata lezione di storia della musica italiana. Certo, fermandosi alle basi già conosciute ai più; ma, visto il target giovane a cui è rivolto, è probabile che la maggior parte degli spettatori non avessero nemmeno mai sentito nominare gran parte dei personaggi mostrati e dei brani trasmessi.

I tre conduttori-viaggiatori, che poco hanno in comune tra loro (almeno sulla carta), sono riusciti a creare un buon amalgama ed hanno mostrato sintonia con tutti i “cantanti da tormentone” trovati fin qui in puntata, da Spagna a Sabrina Salerno, passando per Nek.

Non siamo di fronte ad un capolavoro televisivo, ma non possiamo non riconoscere che questa volta Italia1 – o meglio, la casa di produzione Stand by me -, sia riuscita, anche grazie ad un ottimo montaggio, a trovare una formula che funziona e che può accontentare sia chi è alla ricerca di un paio d’ore di svago, sia chi ha voglia di fare un tuffo nel passato e rivedere alcuni dei protagonisti delle estati di parecchi anni fa.

Advertisements