Che fine ha fatto Volo in diretta?

Che il programma di Fabio Volo Volo in diretta non fosse la trasmissione del secolo l’avevamo capito fin dalla primavera scorsa, quando la trasmissione debuttò nella seconda serata di Rai3 con risultati d’ascolti e critica non particolarmente incoraggianti.

Antonio Di Bella però, all’epoca direttore della terza rete Rai, credeva molto in questo progetto, tanto da confermarlo per l’autunno, quando di fatti la trasmissione è tornata in onda. Nello stesso periodo, dato l’impegno gravoso di Fabio Volo, impegnato tre volte a settimana e da gennaio anche con una serie di appuntamenti in prima serata, il contestato scrittore ha messo fine al suo ultradecennale legame con Radio Deejay, dove da tempo conduceva Il volo del mattino e dalla quale ormai sempre più spesso aveva preso l’abitudine di assentarsi anche per diversi mesi, per dedicarsi ad altro.

Nonostante Volo si fosse gettato a capofitto su questo nuovo promettente progetto, però, la trasmissione è stata dapprima bloccata nella sua versione di prima serata (non tanto inspiegabilmente, dato che il successo del programma era legato inspiegabilmente al suo traino, essendo capace di passare dal 3% di share del debole martedì all’8/10% del mercoledì post-Chi l’ha visto?), per poi essere stoppato improvvisamente il 6 febbraio, senza grande clamore. Al suo posto, sono state proposte le pillole di La storia siamo noi.

Ma cosa sarà successo? Ad onor del vero, va detto che nel frattempo, poco più di un mese prima della repentina ed imprevista chiusura del Volo in diretta, Rai3 è passata in mano ad Andrea Vianello; probabilmente il nuovo direttore di rete, al contrario di Antonio Di Bella, non apprezzava la trasmissione, e ha ben visto di eliminarla dai palinsesti della sua rete.

Una decisione improvvisa ma passata inosservata ai più, dato che in pochi si sono accorti della scomparsa dai teleschermi del Volo in diretta. E nessuno ne sente la mancanza.

Advertisements