Advertisements
Advertisements

Trilussa – Storia d’amore e di poesia su Rai1 (gallery)

Va in onda stasera su Rai1 la prima delle due puntate di Trilussa – Storia d’amore e di poesia, con Michele Placido nel ruolo di Trilussa e Monica Guerritore in quello di Rosa, l’inseparabile governante del poeta. La miniserie, prodotta da Titanus in collaborazione con Rai Fiction, segna il ritorno in tv di uno dei più grandi attori del panorama italiano, che si cimenterà con uno dei personaggi simbolo della romanità e di un’epoca.

La fiction si concentra sul racconto degli ultimi anni di vita di Carlo Alberto Salustri, in arte Trilussa, ed è liberamente ispirata alla biografia del poeta. A dirigere le riprese del film troviamo Lodovico Gasparini. Nel cast anche Valentina Corti nei panni della giovanissima Giselda; Emanuele Bosi interpreta invece il giovane Arturo.

La storia ha inizio a Roma nel 1937. Carlo Alberto Salustri, in arte Trilussa, è una gloria dei romani con i suoi versi e le sue fiabe per l’infanzia in romanesco. Il poeta ha ormai sessantasei anni e si avvia verso l’ultima fase della sua vita. Una vita intensa la sua, donnaiolo incallito, sempre inseguito dai creditori.

Vive in una casa-studio nel ghetto ebraico di Roma, assistito dall’inseparabile sua governante Rosa, che è a servizio da lui da oltre vent’anni. La casa in cui è in affitto è di proprietà del conte Osvaldo Della Rocca, che vive invece in un grandioso palazzetto nobiliare dall’altra parte della stessa piazza, assieme alla sua amante Marisa Mars, divetta del cinema e del teatro.

Una sera, dopo un trionfale spettacolo al Teatro Nazionale di un’opera del vate Gabriele D’Annunzio, il conte Della Rocca dà un suntuoso ricevimento nel suo palazzo a cui partecipa la nobiltà e l’alta borghesia romana. Trilussa non perde occasione per irretire l’odiata Marisa Mars, ricordandole davanti a tutti le sue umili origini e la sua capacità di essersi fatta strada grazie agli uomini con cui è stata.

Il conte Della Rocca lancia allora all’amico Trilussa una sfida travestita da scommessa. Alla serata partecipa un gruppo di vecchie dame di carità, alla ricerca di offerte; la nipote di una di queste, Giselda, una ragazzetta poco più che ventenne, si è appena esibita nella pessima recitazione di una poesia del Carducci. La scommessa che il conte propone a Trilussa è semplice: se lui riuscirà a far diventare Giselda una diva nel giro di tre mesi, avrà vinto la casa in cui è in affitto…

Advertisements