Il futuro di Piero Chiambretti è in seconda serata e non a Le Iene

Piero Chiambretti non è reduce da una stagione di successi, almeno dal punto di vista televisivo. Il suo Chiambretti Sunday Show su Italia1 ha avuto ascolti tutt’altro che lusinghieri per una prima serata – nonostante alla sottoscritta non dispiacesse, soprattutto per alcune trovate – e non sarà sicuramente riproposto. La rete sembra lo abbia comunque riconfermato, sebbene in seconda serata, una fascia che gli è più congeniale. Chiambretti ne parla nel nuovo numero del settimanale Chi:

Verso gennaio vorrei realizzare un programma “on the road”, anche per risparmiare sullo studio, utilizzando come scenografia le città italiane che faranno da teatro ai miei incontri. Un progetto che mi riporterà all’antico, al mio primo programma “Il portalettere”, con qualche innovazione. E torno in seconda serata, il mio habitat ideale

E chiarisce una voce che era circolata qualche settimana fa e che lo vedeva in pole position per la conduzione de Le Iene:

Il direttore di Italia 1, Luca Tiraboschi, ha espresso il desiderio di vedermi in un programma che mi sarebbe stato, in un certo senso, congeniale. Ma era solo una suggestione, credo che le “Iene” abbiano una loro direzione e nomi definiti per affiancare Ilary Blasi

Ad essere sinceri Le Iene non sembrava un programma adatto a lui, che da sempre è un battitore libero e non certo un conduttore da lavoro in team. Rimaniamo quindi in attesa di notizie sul nuovo programma di Chiambretti…e sui nuovi partner della Blasi.

Advertisements