Advertisements
Advertisements

Mario – Una serie di Maccio Capatonda. Le prime travolgenti puntate! (gallery)

La comicità di Maccio Capatonda è assolutamente rivoluzionaria nel panorama televisivo italiano, e questo è un dato di fatto: la conferma definitiva è arrivata stasera con i primi episodi della serie “Mario – Una serie di Maccio Capatonda“, in onda su Mtv tutti i giovedì sera alle 22:50.

Vi chiedete perchè sto parlando di rivoluzione? Il motivo è semplice: credo che far ridere al giorno d’oggi sia diventato davvero difficile, se non impossibile, e per aver dimostrazione di tutto questo basta dare un’occhiata ai vari comici presenti sulla scena italiana, che fondamentalmente ripetono sempre gli stessi repertori. Marcello Macchia alias Maccio, già superstar del web negli ultimi anni, si è finalmente preso la briga di sconvolgere tutto questo e di puntare su un tipo di comicità surreale e a tratti non-sense che risulta assolutamente irresistibile. Ma lasciatemi spiegare meglio parlando più approfonditamente delle caratteristiche della serie.

Mario è un affermato giornalista televisivo, che di punto in bianco si vede sconvolgere la vita da alcuni eventi imprevisti: una perfida multinazionale, la Micidial Corporation, prende il controllo del tg impedendo le “normali” trasmissioni e costringendo Mario ad assumere il figlio del capo, Ginetto, tutt’altro che un genio. Come se non bastasse, Paolo Buonanima, collega di Mario, sparisce in circostanze misteriose.

Questa trama, già di per sé strampalata, è arricchita dalle gag di Maccio e di una straordinaria squadra di comici, che proprio per le loro scarse capacità recitative (oppure per un tipo di recitazione assolutamente fuori dalle righe) rendono la serie davvero esilarante; chi ha avuto l’occasione di vedere le prime due puntate sarà stato sicuramente colpito dallo spot della Raggrumina, dai nomi dei giornalisti (come Salvo Errori o Oscar Carogna) o dalle velate frecciatine al mondo dei telegiornali, che a volte non comprendono il limite fra informazione e sciacallaggio. Personalmente, la mia gag preferita è stata quella in cui il meteorino Maicol Sole, accompagnato da una musica drammatica, si è rammaricato del fatto che nessuno avesse notizie da dare in merito al meteo del Molise.

Davvero un’ottimo inizio per la serie di Maccio, peccato soltanto che l’orario in cui viene trasmessa non è il massimo. Speriamo proprio che diventi la nuova punta di diamante di Mtv, sostituendo una volta per tutte l’umorismo triste e volgare de “I soliti idioti”.

 

 

Advertisements