Advertisements
Advertisements

Anna Oxa: “concorrenti di Sanremo non scelti dal pubblico”. L’ennesima sterile polemica (gallery)

Ennesimo servizio de La vita in diretta su Anna Oxa e sulle sue lamentele contro Fabio Fazio e il Festival di Sanremo 2013, a suo dire politicizzato e ingrato nei confronti degli artisti storici. Ormai il salotto di Mara Venier non puo’ farne a meno, e così ogni pomeriggio viene mostrata una parte del girato dello scorso 4 febbraio durante la conferenza stampa di Sanremo.

Stavolta il tema portante del servizio è una polemica tanto aspra quanto inutile dell’artista, che puntando il dito contro la telecamera (spalleggiata da un gruppo di suoi fans scesi al suo fianco a manifestare con tanto di cartelloni) afferma un concetto ben chiaro: “pubblico, non siete voi a decidere cosa sentire a Sanremo, ma c’è un’imposizione dall’alto! È come il pane che mangiamo, non si sa cosa c’è dentro, ce lo danno confezionato e basta”.

La scoperta del secolo. Da che mondo è mondo (anzi, da che Sanremo è Sanremo) gli artisti in gara vengono scelti dalla selezione artistica e non dal pubblico, anche perché i brani devono rimanere inediti. Dunque, di cosa stiamo parlando? Perché la cantante anziché lamentarsi con i giornalisti non ci fa sentire i suoi brani, così potremo valutare se veramente erano degni del palco dell’Ariston?

Ogni giorno che passa, la polemica della Oxa è sempre più sterile è immotivata: si lamenta di un Sanremo politicizzato, ma non spiega perché lo sarebbe. Si lamenta di presunte scelte qualitativamente sbagliate, ma contemporaneamente fa capire che vorrebbe che gli artisti partecipassero di diritto solo perché hanno fatto la storia del Festival. Dice che la sua battaglia non è personale e poi si scopre che in realtà il suo astio nasce da una sua esclusione all’ultimo minuto dal cast. Insomma, Anna Oxa non sta facendo una bella figura e addirittura gli ospiti di Mara Venier e La vita in diretta, quest’anno distaccati ed estremamente critici nei confronti della kermesse musicale, lasciano trasparire una certa insofferenza in merito alle polemiche dell’artista.

Quando finirà questo teatrino?

Advertisements