Betty la fea: la prima e vera Ugly Betty in onda ogni giorno su Vero TV

Vi ricordate di Ugly Betty, il telefilm divenuto un successo internazionale (per la verità in Italia fu un mezzo flop)? Non tutti sanno che si è trattato di un adattamento (uno dei tanti) della telenovela/commedia colombiana Betty la fea, prodotta tra il 1999 e il 2001 e trasmessa dalla RCN Television con enorme successo, riuscendo a conquistare innumerevoli premi.

Se Ugly Betty nasce da una sorta di “fusione” tra la pluripremiata Betty la fea e il film di successo Il diavolo veste prada, la telenovela con protagonista la Betty originale, Beatrice Pinzòn Solano, interpretata da Ana Maria Orozco, era una produzione originale e fresca, nonché l’antiglam per eccellenza al contrario della sua “figliastra”, che in 169 puntate riesce a miscelare una storia ricca di intrighi e sentimento conditi sapientemente con elementi di ironia e divertimento. Nella storia originale, Betty si innamora del suo capo, che inizialmente le aveva fatto delle avances per sfruttarla a proprio per salvare l’azienda per cui lavorano entrambi, ma finirà prevedibilmente per innamorarsi di lei nonostante la sua bruttezza. Ad ogni modo, al termine della serie Beatrice riuscirà a superare i suoi problemi con i difetti fisici.

Pochi sanno, tra l’altro, che diversi anni prima del boom della serie con protagonista America Ferrera, Mediaset possedeva i diritti di quest’opera, che è stata infatti trasmessa (col titolo Betty la cozza) dal luglio 2004 al febbraio 2005 in prima tv in Italia da Happy Channel, rete satellitare del pacchetto Sky e prodotta dall’azienda di Cologno, che ha così mostrato scarsa lungimiranza, dirottando una fiction del genere su un canale satellitare. C’è da ammettere che un prodotto così complesso era poco collocabile sulle tre generaliste (forse, se ai tempi fosse esistita, La5 sarebbe stato il prodotto perfetto).

Successivamente, ad accapparrarsi questo gioiellino sono state diverse emittenti locali e infine nuovamente sul satellite con Lady Channel, che con la sua chiusura ha ceduto i diritti della serie a Vero TV, che la ritrasmette ogni giorno alle 20.30 (la rete di Veneziani non brilla per la puntualità del palinsesto, così come i più blasonati competitor Mediaset Extra e Italia 2) permettendo così alla serie di ottenere la prima visione nazionale e diventando la punta di diamante della rete. E anche se in quanto a qualità di realizzazione il prodotto lascia molto a desiderare, la trama bizzarra ma avvincente compensa i difetti.

Advertisements